Home > Geoinformatics 1: Telerilevamento

Geoinformatics 1: Telerilevamento

Geoinformatics arriva nel suo prima edizione del 2010, Con un marcato accento sul telerilevamento. Anche se l’anno è giovane, sembra che le future edizioni manterranno questa linea, anche questa volta due dei grandi del settore non libero: ERDAS e ENVI.

Se le cose stanno come li immagino, nelle prossime edizioni saranno facendo recensioni di strumenti, nel telerilevamento tematico, argomento in cui il settore libero ha avanzato molto. Forse si prenderà in considerazione le biblioteche SEXTANTE sotto l’approccio di integrazione con strumenti gratuiti (gvSIG, uDig, erba, ecc)

Vi consiglio questa lettura, riassumo qui alcuni suggerimenti:

Quando telerilevamento e GIS incontra l’un l’altro.

Si tratta di una interessante intervista a Rolf Schaeppi, vice presidente delle operazioni europee di ITT. L’intervista è condotta dal proprio Eric Van Rees, che inizialmente ha chiesto una breve rassegna storica di ENVI, ma mentre avanzano, domande riguardano argomenti quali:

  • ENVI EX Integrazione con ArcGIS, che facilita l’interazione tra le due piattaforme, sfruttando le specialità e senza perdere le cose lungo la strada, come ad esempio gli stili e simbologia.

Poi chiude il discorso, con il suo punto di vista tra GIS e Telerilevamento; argomenti che sono stati partecipi ad una fusione a poco a poco nella misura in cui le immagini sono giunti ad avere una risoluzione più alta.

ERDAS, che cosa sta puntando nel 2010.

L’intervista con Mladen Stojic, da Erdas Marketing si basa su tendenze che vengono presi in considerazione all’interno del business che questo prodotto è riuscito a una posizione molto bene.

Tra gli argomenti ha menzionato il criterio 5D che i sistemi sono scommesse, tra cui: X, Y, Z comunemente accettato, ha aggiunto con il tempo ed i dati associati. Poi lui fa qualcosa di più bla bla con il ciclo di gestione dei dati in Digitale terrestre.

L’intervista diventa un po ‘pesante, perché alcune delle domande sono molto ampie, ma non è fuori per prendere un vantaggio su quello che stanno prendendo in considerazione gli standard e il suo approccio cloud.

L’intervista diventa un po ‘pesante, perché alcune delle domande sono molto ampie, ma è di più approfittano di ciò che stanno prendendo in considerazione gli standard e il suo approccio al cloud.

Altri argomenti.

Jack Dangermond dà continuità ad uno dei suoi allievi ‘intervista dall’edizione precedente, parlando del Geodesign e la necessità di prendere in considerazione la georeferenziazione ogni volta che si sta per fare qualcosa. Davvero molto buono, elemento che nel 2011 ci porterà intrattenuto, quindi il concetto di BIM viene presa in considerazione tutti i giorni con la priorità più alta, e che il genio di questa lampada promuove questa forza è un bene per tutti.

Resta da vedere se si riferiscono a quello che dice la maggioranza, o per la sua idea di standard sulla base di “farlo come ESRI“, Ma io non vi dico come funziona.

C’è un articolo molto profondo sui sistemi di mappatura mobile, molto di moda ultimamente, comprende anche alcuni eventi come il Congresso Internazionale dei Geometri FIG-2010 e Leica HDS che è appena accaduto. Pubblicità: una delizia ti faccio vedere qui un esempio.

clip image001191 Geoinformatics 1: Remote Sensing

Vedere la pubblicazione

 

 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.